Facebook Twitter Youtube info@cbpiacenza.it
cbpiacenza@pec.it
tel 0523-464811
       Strada Valnure, 3  -  29122 Piacenza
C.F. 91096830335

Invasi e infrastrutture per rispondere alla crisi idrica: Piacenza c’è

All’assemblea nazionale dell’ANBI a Roma il Ministro dell’Ambiente Galletti e il presidente nazionale di ANBI Vincenzi auspicano subito progetti di lungo periodo che riescano a far fronte alle emergenze come quella che stiamo vivendo anche nel piacentino. Zermani: “ Da domani già al lavoro per trovare una soluzione condivisa e utile con le multiutility”

Roma - 12 – 7-2017 - La necessità incombente di realizzare al più presto nuovi invasi e infrastrutture idrauliche per raccogliere le precipitazioni metereologiche per trattenere l’acqua quando c’è e poi distribuirla in periodi siccitosi di grave e dannosa carenza idrica come quello che stiamo vivendo nel paese ed in particolare nella nostra provincia. E’ stato questo uno dei temi più rilevanti emersi in questi giorni dall’annuale Assemblea romana dell’ANBI l’associazione nazionale che rappresenta i 144 Consorzi di bonifica italiani e che ha chiamato a raccolta istituzioni , portatori di interesse e associati per porre al centro del dibattito anche la drammatica criticità manifestatasi in questi mesi. “Non possiamo vivere e lavorare – ha commentato il presidente Francesco Vincenziin un territorio in cui la risorsa idrica abbonda in determinati periodi per poi non averla nei momenti di maggiore bisogno a sostegno vitale di tutto il nostro comparto agroalimentare fondamentale per l’export. Mancare di una strategia di programmazione significa mancare l’appuntamento con lo sviluppo e con la possibilità di aumentare le superfici irrigate: per questo occorre programmare un Piano di Invasi che compensi quello che non si è fatto fino ad ora”. E su queste parole - che evidenziano una vocazione programmatica dei Consorzi di bonifica a mettere in campo progetti concreti e moderni – s’inserisce proprio il Consorzio di Bonifica di Piacenza che in questi giorni è in prima linea nel territorio all’interno della trincea che separa l’esigenza irrigua dalla reale quantità di acqua disponibile da distribuire. “Domani – ha rimarcato il presidente del Consorzio Fausto Zermani incontreremo il presidente del Gruppo IREN Peveraro per comprendere i reali e possibili sviluppi di un invaso che sia utile a tutta la cittadinanza pensando così un possibile percorso a tappe per realizzare ciò che si rende indispensabile. Un invaso in grado di dare risposte plurime, comuni con uso idropotabile e irriguo allo stesso tempo: una risposta di strategia che amministratori avveduti che amano la propria terra potranno adottare per scacciare il fantasma della crisi che stiamo vivendo”. Una situazione che nonostante le piogge cadute a macchia di leopardo non tende a migliorare lasciando pesanti situazioni in aree collinari e pedecollinari già colpite nelle scorse settimane. Le conclusioni le ha tirate poi il Ministro delle Politiche Ambientali Gianluca Galletti che ha ribadito che L’acqua è un fattore produttivo e l’ANBI ha ragione a chiedere nuovi invasi di fronte a cambiamenti climatici epocali, poiché tratteniamo solo l’11% dei circa 300 miliardi di metri cubi d’acqua, che annualmente piovono sull’Italia: “Io sono per uno sviluppo sostenibile. Non sono nemico delle infrastrutture, se ambientalmente compatibili: senza invasi perderemmo parte dell’agricoltura.” Proseguendo l’intervento, Galletti è tornato ad affrontare il tema della “governance della spesa”, ancora troppo farraginosa e burocratica, dove bisogna trovare un giusto equilibrio tra fare bene e fare presto.

Ufficio Stampa Andrea Gavazzoli