Facebook Twitter Youtube info@cbpiacenza.it
cbpiacenza@pec.it
tel 0523-464811
       Strada Valnure, 3  -  29122 Piacenza
C.F. 91096830335

Comprensorio di pianura

Bonifica idraulica di pianura

Tra le tante e dotte definizioni che gli studiosi danno della bonifica pare opportuno scegliere quella più semplice, chiara, immediata:

“Bonifica è il rapporto d’equilibrio fra suolo ed acqua nel senso di provvedere ad allontanare questa quando ve n’è troppa (scolo o drenaggio) ed addurla quando ve n’è troppo poca (irrigazione).

Parlare dunque di bonifica significa – più in generale – affrontare i problemi del territorio e dell’ambiente nella loro più ampia accezione avendo ben presente che senza un ordinamento degli elementi di base, cioè suolo ed acqua, non vi può essere uno sviluppo sociale ed economico.

Le acque meteoriche e di superficie confluiscono nei corsi d’acqua naturali come fiumi, torrenti e rii, o nella rete dei canali artificiali di bonifica; nel primo caso, la competenza idraulica è del Servizio Tecnico di Bacini Affluenti del Po della Regione Emilia Romagna, mentre nel secondo caso è il Consorzio di Bonifica di Piacenza che gestisce il sistema artificiale dei canali e della cassa di espansione di pianura.

Il sistema di scolo artificiale si compone di circa 2.400 chilometri di canali, di scolo e promiscui, e condotte irrigue in gestione.

L’adeguamento, la manutenzione e l’esercizio del complesso sistema dei canali e di manufatti che assicura il deflusso delle acque meteoriche, impegnano costantemente il Consorzio. La ristrutturazione delle apparecchiature elettromeccaniche, che nei diversi impianti idrovori consentono l’adduzione nei fiumi delle acque provenienti dal reticolo idraulico, attraverso il loro sollevamento meccanico, nonché il mantenimento in efficienza della canalizzazione di bonifica, richiede una regolarità negli interventi, con investimenti di somme cospicue.

A supporto di questo sistema ed a difesa della città di Piacenza è stata realizzata una cassa di espansione in loc. Farnesiana, con la funzione di stoccare le acque in eccesso, in attesa che i livelli dei corsi d’acqua riceventi ne consentano l’immissione.

canali irrigui

Canali irrigui gestiti dal Consorzio di Bonifica di Piacenza

Al tempo stesso per essere sempre aggiornati con le nuove tecnologie, il Consorzio ha avviato una serie di studi e collaborazioni tese ad accertare le condizioni idrologiche ed idrauliche del territorio. Infatti, i mutamenti climatici e il gravissimo stato di dissesto idrogeologico dell’intero territorio piacentino, mettono spesso a dura prova le infrastrutture di bonifica e, in particolare, quelle realizzate a difesa del rischio idraulico del nucleo urbano del capoluogo.

La bonifica di pianura, oltre a consentire l’irrigazione del territorio, dispone di numerosi impianti la cui attivazione è di fondamentale importanza per scongiurare esondazioni e allagamenti. L’attività del consorzio pertanto si esplica nella manutenzione e nell’esercizio di canali di drenaggio e degli impianti idrovori ed il sistema integrato di sicurezza idraulica, con il suo reticolo di canali di bonifica, ha contribuito, nel corso degli anni, a disegnare l’architettura rurale del territorio di pianura, costituendo un valore anche paesaggistico ed ambientale.