Facebook Twitter Youtube info@cbpiacenza.it
cbpiacenza@pec.it
tel 0523-464811
       Strada Valnure, 3  -  29122 Piacenza
C.F. 91096830335

Attività didattica: PROGRAMMIAMO IL FUTURO

didattica2"Programmiamo il futuro" questo è l'obiettivo che il Consorzio di Bonifica di Piacenza da alcuni anni sta perseguendo nelle scuole per formare cittadini di domani sempre più informati delle risorse del luogo in cui vivono e motivati a tutelarne le ricchezze, aumentando la loro consapevolezza ambientale, sensibilizzandoli alla tutela del territorio, alle problematiche relative ai cambiamenti climatici ed al continuo aumento dell'urbanizzazione e dell'impermeabilizzazione dei suoli, nell'ottica di una cittadinanza attiva.
Il messaggio che il Consorzio rivolge alle nuove generazioni è che l'ambiente va conosciuto per proteggerlo, tutelarlo e difenderlo per migliorare le prospettive di vita future. Nelle scuole primarie e secondarie di primo grado, il Consorzio di Bonifica propone gratuitamente diversi progetti, fornendo, se richiesto, il trasporto, per sensibilizzare un sempre maggior numero di studenti all'approfondimento delle tematiche legate alle problematiche dell'acqua, del dissesto idrogeologico ed all'importanza della bonifica, nonchè ad una panoramica delle attività che vengono svolte dall'Ente nel proprio comprensorio, sia nell'ambito della città che nei distretti di pianura, collina e montagna.

In allegato, i pieghevoli dei Percorsi Formativi 2017-18

Impianto Finarda e Grande Fiume: martedi 24 giornata di studio interattivo con 70 studenti della scuola Pezzani

Piacenza 20-5-2016- Nell’ambito delle iniziative legate al progetto “Il Po ricorda” - organizzato come capofila dall’Associazione Arti e Pensieri - il Consorzio di Bonifica di Piacenza, in anteprima, nel corso della mattinata di martedi 24 maggio, coinvolgerà all’interno dell’impianto idrovoro della Finarda una settantina di alunni della scuola Primaria Pezzani in un percorso di conoscenza idraulica del territorio. I giovanissimi studenti nel corso dell’anno, grazie al contributo dei loro insegnanti e alle lezioni di bonifica in classe, hanno potuto approfondire le tematiche ambientali con particolare attenzione al ruolo e all’incidenza dell’acqua sull’ambiente che li circonda.

Proprio nell’incontro del 24 gli studenti avranno l’ulteriore opportunità per presentare il frutto dei laboratori svolti durante l’ultima Giornata Mondiale dell’Acqua dedicata all’elaborazione di progetti grafici, pop-up, fanzine illustrative ed esemplificative e animazioni 3D. Con l’aiuto di animatori e formatori le classi saranno stimolate in un percorso storico a tappe che ripercorrerà l’opera idraulica e tecnica di Leonardo da Vinci.

Sempre il 24 alla Finarda che si trova proprio in prossimità del Po verrà presentato anche “Lungo il Po: un paesaggio mutevole”: un progetto per l’intera area dell’idrovora, con particolare attenzione all’alveo del Grande Fiume, tra ieri e oggi”.

Ufficio Stampa

Le quarte elementari A, B e C di Roveleto di Cadeo premiate per la Miglior Sceneggiatura al concorso regionale Acqua e Territorio

Al centro del lavoro dei giovanissimi filmakers piacentini l’Enciclica di Papa Francesco, i cambiamenti climatici e il valore della risorsa acqua per il territorio

Lagosanto (Ferrara) 19-5-2016 - La scuola piacentina si conferma anche per questa stagione tra le realtà regionali migliori e più creative nell’ambito del concorso riservato alle scuole Primarie e Secondarie Acqua e Territorio dell’Emilia Romagna. Quest’anno - il progetto educativo ideato da Anbi ER insieme ai Consorzi di bonifica di tutto il territorio e sostenuto da Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e dalla Regione – ha stimolato circa 4000 giovanissimi a cimentarsi con percorsi di ricerca e produzione in classe di cortometraggi multimediali sul tema dei cambiamenti climatici e sul valore della risorsa acqua per il nostro ambiente che cambia giorno dopo giorno e spesso fa conti salati con le improvvise emergenze che la natura ci riserva. Così, con il supporto del Consorzio di Bonifica di Piacenza e mettendo al centro del proprio percorso di studio il passo sui mutamenti climatici della recente Enciclica Laudato sì di Papa Francesco, gli alunni hanno dato sfogo alla loro fantasia, basandosi sulla realtà - anche quella più pericolosa, allarmante e scomoda da vedere per il mondo degli adulti; adulti - a volte - insensibili ai richiami, ma invitati nell’occasione a tenere comportamenti all’insegna di migliori pratiche e una maggiore sostenibilità ambientale. In tutto questo l’acqua, risorsa naturale indispensabile e vitale, assume sempre più un valore di grandissima rilevanza, ma la sua conoscenza è spesso lasciata al caso e la sua gestione sul territorio altrettanto poco conosciuta. Acqua e Territorio da molti anni cerca di ovviare a queste criticità non sottovalutabili e fornendo, al contempo, risposte utili e adeguate a queste necessità collettive. Gli alunni piacentini – aiutati anche dalle lezioni in classe del formatore e animatore Lorenzo Bonazzi e coordinati dal capillare lavoro della responsabile dei progetti scolastici del Consorzio di Bonifica di Piacenza Orietta Cella – pare proprio che abbiamo appreso le priorità del concorso cogliendone anche inattese sfumature di rilievo. Quest’anno ad imporsi nella finale di concorso - svoltasi all’interno del grande e storico impianto idrovoro di Marozzo di Lagosanto di Ferrara – è stato il cortometraggio delle classi quarte A,B e C della Scuola Primaria di Roveleto di Cadeo: "E poi di colpo pioggia battente” opera che ha unito poesia, musica e tecnologia realizzato dagli alunni con il coordinamento delle insegnati Giuseppina Vallisa e di musica Bricconi.

Ufficio Stampa